2011/05/20

Felix Guattari è un gran campione. Com

Felix Guattari è un gran campione. Comunista, antistalinista, attivista, psicanalista e chissà cos’altro. Era l’enfant prodige di Parigi, tutti lo rispettavano, lui snobbava i corsi della Sorbona, snobbava Merleau-Ponty (che tanto quando scrive non si capisce niente, semicit.) e si faceva bello con le giovinette dando contro a Freud. Lacan lo prende sotto la sua ala, lui fonda una clinica psichiatrica e, quasi quarantenne, nel 1968, si appresta a diventare il re della rivolta studentesca, che magari si rimedia anche qualcosa di buono.